Daniela Piacentini

Daniela Piacentini inizia il suo percorso artistico diplomandosi all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica ”Silvio D’Amico” nell’anno  1970 . Tra i suoi insegnanti: Luca Ronconi, Paolo Giuranna, Orazio Costa Giovangigli,  Mario Missiroli, Giorgio Pressburger, Giorgio Bassani, Andrea Camilleri, Angelo Corti, Marise Flasch, Nicola Sermonti e Sandro D’Amico.

Debutta nel “Giardino dei Ciliegi” regia di Giorgio Pressburger, seguito da “Che cos’č il fascismo” di Fabio Mauri, “La Locandiera” regia di Mario Missiroli, “La Centaura” regia di Luca Ronconi.

La sua prima partecipazione al Festival Dei Due Mondi di Spoleto č con “I nomi del potere”, regia di Jose Sanchez.

Entra nella Cooperativa Gran Teatro, diretta da Carlo Cecchi, partecipando a “Tamburi nella notte” di Bertolt Brecht, “Il bagno” di Vladimir Majakovskij, Woyzeck” di Georg Büchner, “La morte dint’ o’lietto” di Antonio Petito e “La cimice” di Vladimir Majakovskij. Seguono: “Monsieur de Pourceaugnac” di Moličre, regia di Mico Galdieri.

Con la regia di Tato Russo:”Un medico per forza” di Antonio Petito, e “La parolaccia”, di Tato Russo.

Con la Regione Emilia Romagna, tiene un workshop, con la direzione di Virgilio Gazzolo, in collaborazione con i licei classici e scientifici, basato sull’”Amleto” di W.Shakespeare.

Col Comune di Orvieto, organizza un workshop di mimo, recitazione e canto, finalizzato alla realizzazione dello spettacolo “Davide Lazzaretti”.

Partecipa al Festival Dei Due Mondi di Spoleto per la seconda volta nel 1978, con la prima edizione di “Accademia Ackermann”, regia di Giancarlo Sepe.

Debutta a Roma con “Piccole Donne: un musical!”, regia di Tonino Pulci, e al Teatro Sistina con “Il Fantasma dell’Opera”, regia di Tonino Pulci. Col Teatro dell’Orologio, con “Dracula”, di Bram Stoker, adattamento di Mario Moretti, regia di Stefano Marcucci, “Arriva l’Ispettore”, di Gogol, adattamento di Mario Moretti, regia di Stefano Marcucci, “Le Superdonne” di Valeria Moretti, regia di Lucia Poli.

Nel 2007 debutta al Festival di Teatro di Borgio Verezzi con   “Vestire gli ignudi” di Luigi Pirandello, regia di Walter Manfrč.

Nel 2012 ha girato il film “Un’insolita vendemmia” con la regia di Daniele Carnacina, di prossima uscita nelle sale cinematografiche.

Ha tenuto corsi di recitazione e dizione presso l’Accademia d’Arte Drammatica della Calabria.